Juve, campagna abbonamenti "fotocopia" del Badajoz In evidenza

  18 Ottobre 2015

"Sei sulla buona strada quando i vice-campioni d’Europa seguono i tuoi passi". E' un tweet della pagina ufficiale del Deportive Badajoz, club della quarta serie spagnola.

L'antefatto: per la campagna abbonamenti della Juventus per la nuova stagione, la società bianconera ha utilizzato il volto di una donna che urla, dipinto a strisce bianche e nere su sfondo nero usato dai campioni d'Italia che è praticamente la stessa che il club spagnolo aveva utilizzato lo scorso 24 maggio per lanciare i playoff promozione cui la squadra partecipava.

L'agenzia di creativi che ha realizzato la campagna tra l'altro è la Indipendente Ideas, fondata da Lapo Elkann. Lo stupore e i commenti non si sono sprecati, tutti più o meno orientati a parlare di plagio o copia, soprattutto sui "qualificati" media italiani che prendono subito la palla al balzo.

Vediamo un attimo il meccanismo possibile che può spiegare una cosa del genere che potrebbe spiegare la buona fede della vicenda (non possiamo sapere se c'è stato un plagio volontario), una coincidenza che in questo caso potrebbe essere del tutto plausibili.

Le campagne pubblicitarie e la creatività associata utilizzano spesso immagini che provengono dalle stesse "banche immagini" mondiali che contengono milioni di foto, che vengono concesse la maggior parte delle volte non in esclusiva.
Semplicemente l'agenzia che ha studiato la campagna per i bianconeri ha trovato un'immagine da queste banche (che potete facilmente verificare su siti quali shutterstock) già utilizzata dal Badajoz...del resto l'idea creativa é abbastanza semplice. Chi cerca della immagini da "abbinare" a una campagna ricerca su queste banche immagini per parole chiave, per cui la foto incriminata potrebbe essere tra le prime ad apparire.
Anche la verifica che fosse già stata utilizzata per scopi simili è abbastanza difficile, chiunque nel mondo avrebbe potuto fare una cosa del genere. Semmai l'errore è stato quello di prendere un'immagine "free" (così si definisce) e non utilizzare immagini in esclusiva o realizzare fotografie proprie che sono ovviamente originali e non ripetibili, ma ciò non avrebbe eliminato il fatto che qualcun altro avesse già utilizzato una creatività (peraltro non così originale).

Direi che il problema di fondo è che l'idea creativa non è stata particolarmente originale ed è stato facile proporre una cosa esistente...questo è l'errore e la colpa più grave di cui ha progettato la campagna, oltretutto non per una piccola società o azienda ma per una realtà con una visibilità mondiale.

Lapo stavolta hai toppato!

Lascia un commento

Post popolari

Headlines